mercoledì 17 dicembre 2014

Bambini piangenti per strada usati come esche per stupri

In sintesi: “Un nuovo modo che hanno le gang per stuprare le ragazze”: un bambino piange per strada e mostra il proprio indirizzo a chi lo soccorre, ma all'indirizzo ci sono in agguato gli stupratori

Valutazione: BUFALA

Primo avvistamento: luglio 2011

Parole chiave: Facebook, bambini che piangono, strada, piange, indirizzo, accompagnato, stazione di polizia, "mi sono perso, portatemi a questo indirizzo", Questura di Milano

Link all'indagine